Canti Popolari



Canto popolare
Canzone della sposa

Chi s'ha mangiata la zita
La primma sera:
La primma sera che ba...
Lu picciongino!
Chi s'ha mangiata la zita
Li Doie sere?
Li doie sere che ba...
Doie tortorine, mezz'o picciongino!
Chi s'ha mangiata la zita
Li treie sere ?
Li trie sere che ba...
Tre colombe, l'una e l'ata,
Doie tortorine, mezz'o picciongino!
Chi s'ha mangiata la zita
Li quattro sere ?
Li quattro sere che ba...
Quattro ranate ben tagliate,
Tre colombe ecc.
Chi s'ha mangiata la zita
Li cinche sere
Li cinche sere che ba...
Cinche scope 'na matinata,
Che facevano o paro e sparo,
Quattro ranate ecc...
Chi s'ha mangiata la zita
Li sei sere ?
Li sei sere che ba...
Sei anguille ben pigliate,
Ciche scope, ecc...
Chi s'ha mangiata la zita
Li sette sere ?
Li sette sere che ba...
Sette ualle cantature,
Sei anguille, ecc...
Chi s'ha mangiata la zita
Li otto sere?
Li otto sere che ba...
Otto cuoppa de cunfiette
Ch'e purtava nennella 'mpietto,
'E capriole pe' dint'o lietto,
Ce 'o facevano pe' dispietto,
Sette ualle cantature ecc.
Chi s'ha mangiata la zita
Li nove sere?
Li nove sere che ba...
Nove piecure muntature
se ne ievano mure mure
Ievano rumbenno cufenature,
Otto cuoppe de cunfiette ecc...
Chi s'ha mangiata la zita
Li dieci sere?
Li dieci sere che ba...
Diece casce 'e maccarune,
Nove piecore muntature ecc...
Chi s'ha mangiata la zita
Li undece sere?
Li undece sere che ba...
Undece sere che ba...
Unnece muoneche cappuccine,
Se ne ievano a l'aria fina,
Ievano a coglie' lu petrusino
Diece casce 'e maccarune, ecc...
Chi s'ha mangiata la zita
Li durece sere?
Li durece sere che ba...
Femmene annute e uomini 'ngristo
Chillu povaro priore,
Sagliette 'ncopp' a bintun'ore,
Na tagliata e na fellata
Capocuollo e supressata
Na ranniessema paliata
A reto 'a porta steva stipata
E unnece muoneche cappuccine
Se ne ievano a l'aria fina ecc...



Canto popolare

Figlia, stu core fallo dui parte,
Uno lu lascio e n'ato me lu porto,
'U miu me lu porto mpecche mporto,
'U vuosto ve lo mecco in'ta li carte.
Lu core nun se dona a tante:
A uno se dona e se fece strumento!



Canto popolare

Faccia de culuritu bianca e bella,
Chi de sta mente me te po' leva?
Scrive' te voglio 'mpietto 'na cartella,
Sempre cu mmico te voglio purtà.
La gente me lo disse: Quant'è bella!
Addò l'hai fatta ssa caccia reale?
Io l'aggio fatta a chillo pizzo bello



Canto popolare

Voglio che dint'a l'acqua nun ve lavate,
Pure cu ll'acqua tengo la gelosia,
Bella figliola, ca ti chiamme Rosa,
Che bellu nomme mammeta t'ha miso,
T'ha miso lu nomme ri la rosa,
Lu meglio sciori, che sta 'mparaviso,
Viato chi se 'nzora e piglia a Rosa,
Ce pava lu pisone re la casa.



Canto popolare

Faccaia d'una nave vuliente,
'Se bellizze tuoje nu' servono a niente,
Pricùrerete 'e truvare 'n'ato amante,
Belle cumme 'e vuje ubbidiente;
Quano la sera te la cucche accanto,
La matina te suse frisco e cuntento
Uh, mare e rena,
Votta a mamma toia è panticata,
Uh, mare e ruta,
Zùchete 'so cetràngulo spremmuto!
Int'a 'su luogo nc'è nato nu lupo,
Tutte le zetelle s'ha mancete;
N'ha rumessa 'n'ata la chiù lenguta
Pe' chedda lengua n' s'è marerete.
E' nata 'na scarola miezo o mare,
Li Turchi se la jocano a premera;
Chi pi' la cimma e chi pi' lu streppone
A chi la vence primma a 'sta figliola.
'Sta figliola è 'na figlia di nutare;
S'ha fatta 'na vunnella tutte sciure,
A 'mmiezo nce ha misa 'na stella Liana,
Pe' fa' pazzià l'amante a duje a duje.
Fa pazzia, lu sole quanno sponta;
La luna quanno rompe a lu levante
Uh! mare e nella,
Tu pe' me fa' murì si nata bella.



Ninna nanna

Santu Nicola piccirillo iera
E tre digiuni a la semmana faceva.
La mamma 'u chiamava pe ce dà la menna
Mamma, oggi è digiuno e buie stipatammella
La mamma se ne ieva pe li parienti
Nicola è Santo e vuie non sapite niente.
La mamma se ne ieva pe lu cuntuorno
Nicola è Santo e Santo ra tre ghiuorni
Tutto 'u bene sui l'aveva 'n fasce
Chi ce reva n'abbraccio e chi nu vaso
Santu Nicola nuosto 'un buleva canzune
Buleva paternoste e graziune
Santu Nicola nun buleva menna
Buleva carta, calamaro e penna
Santu Nicola nun buleva panella
Buleva paternoste a li zitelle,
Santu Nicola mio vicchiariello,
Porta lu suonno sotto a lu mantiello



Ninna nanna

Santu Nicola mio, Santo ti chiammo,
Fammo stu ninno santo cumm'a tte!
Santu Nicola a la taverna ieva
E da vigilia e non si cabarava ...
Disse a lu tavernaro: avete niente ?
Ora e tardo e bulimmo mangiare
Tengo 'na varricchiella re tunnine
Tanto ch'è bella, non se fa mangiare
Santu Nicola se fice la croce
Ca tre fanciulli fice resussitare
Sia benedetto Ddio e Santo Nicola
C'a fatto 'nu miracolo de gioia,
Ca tre fanciulli fice resussitare
Sia benedetto Ddio e Santo Nicola



Canto popolare

Nu iuorno me 'mbarcai cu 'nu Turrese,
Credendo m'arricchi' 'a la mia casa,
Tanto che era amabile e curtese,
Si era ronna, me runava 'nu vaso.
M'aveva, me lu fa lu mussu a riso,
E 'ncopp'e cigli 'a coppola me 'ncasa,
Chesto patrone mio è nu lione,
Sempre fatico e non si sazia mai,
Patrone mio, te voglio arricchì,
Comm'a nu cane voglio faticare,
M'è strutto struoppolo stramazzuolo e rimme.
Ancòra lu legno ca sotto purtammo,
Mitte la prora pe' Proceta e Isca.
Vulimme ire a ffà Natale e Pasca.



Canto popolare

Nun bulimmo cchiù denaro,
O mese austo ammo a 'nzarmà,
Vulimmo 'a meza vela e o' scopamano
Molla 'mpoppa e'nterra Marzala
'E cartuscelle iammo a spiccià,
'Nterra a Torre iammo a terà,
'E mammarelle noste iammo a truvà,
'E manelle iammo a vasà,
Non boglio 'i a curallaro cu stu Turrese,
Non boglio 'i a curallaro,
Chiù priesto voglio fà 'u mastorascia
Nterra 'a Torre me faceva lu pizzo 'a riso,
'Ncoppo ciglio 'a coppola me 'ncasa,
A ghiuorno a ghiuorno m'ammanca li spese



Canto popolare

Attiento, ca non me rumpe la langella,
Si me la rumpe, mamma
Quante mazzate me chiava!
Si te la rumpo, te la faccio nova,
Ch'e renare d'a vorza mia,
Nun boglio nè renare, nè langella,
Voglio la langella che m'à rata la mamma mia.



Canto popolare

Olio io porto a vuje, olio murtale
Menche lu nomme tujo pozzo senti;
Si stato malatiello a lu spetale,
Cu' doje freve maligne liente e bene,
Vurria ca lu mièleche urdenasse
Cu la sputazza mia che te vuaresse.
Chiuttosto stongo 'n anno a nu' sputare,
Ca a li pene t'aggia fa murire,
Uh! mare e core,
Tu schiatte e criepe e i'n àuto me trovo.
Me si benuto 'n olio murtale,
Manco lu nomme tujo pozzo sentire,
Malato te vurria 'a lu spetale,
Cu' 'na freva malegna e ghietteccia.
E t'avarria lu mieloco ordinare,
Lo sputo mio pe' te fa guarire.
Cient'anne starria senza sputare.
'Nfi che la pena te farria murire.




ischia info

Portale telematico no-profit per la Promozione del Turismo sull'Isola d'Ischia con la finalità di promuovere la conoscenza dei luoghi, delle attrattive e dei servizi correlati al Turismo di Ischia.


© 2018  ischia.fr 
Ischia