A vattut' e ll'astreche


A vattut' e ll'astreche

Canto popolare usato in edilizia prima dell'avvento del cemento
La casa rustica ischitana ha le sue volte a botte, a vela a crociera, fatte in lapillo misto ad acqua di calce; in dialetto la copertura prende il nome di àsteco (astrico) sd è costruita così: assi di legno formano la volta, sostengono il lapillo, che viene su di esse disteso e crea la copertura, la quale assume forma più o meno dolcemente convessa: l'ossatura di legno viene poi tolta. Con la posa del lapillo s'inizia l'ultima operazione dell'edilizia rurale: la casa è finita: ancora tre giorni per l'asteco, e saranno giorni di lavoro intenso, di baldoria, di canti e di danze. La prima parte viene eseguita dai battitori, seduti su scanni, spianano il lapillo con la mazzola, e nel lavoro pongono la prima mezza giornata: accompagnano il lavoro con lunghe cantilena a distesa. I vicini accorrono, portando il loro dono, cesti colmi di frutta, pesce fritto, 'zeppole', oltre a bottiglie se non barili di buon vino locale. Compiuto il lavoro di posa e spianamento del lapillo, fatto con la "mazzola" ha luogo la vera e propria battitura: circa dieci battitori su una superfice di circa 25 mq. picchiano ritmicamente col "pentone" (pestello) per la prima e per la seconda giornata. Di seguito testi dei ritornelli che scandivano il ritmo delle percussioni: (da premettere che vista la durata dei lavori spesso i ritornelli venivano reinventati con varianti sempre diverse ma sempre con lo stesso ritmo)

Salute a fenesta e a la ptrona
eeeh, eeeh, ...
Salute a chillo masto che ha fravecato
eeeh, eeeh, ...
A chisto loco non ngi ho cantato ancora
eeeh, eeeh, ...
Mo nce lo canto e a la bonora sia
eeeh, eeeh, ...
E uno, roie, tre,
Miezziourno e port'm'a bè.
Tutti li miezziuorne sò sunate
A Sant'Antonio un è sunato ancora,
Curre, ze' monaco mio e ba' lu sona;
Fa' mangià a chi 'un ha mangiato ancora.
Tutti li maluocchi, pozzano accecare
eeeh, eeeh, ...
Tutte le male lengue pozzano assiccare
eeeh, eeeh, ...
Site la bemmenute ca veniste,
eeeh, eeeh, ...
Cielo, che bella ràzia me purtaste
eeeh, eeeh, ...
Curre, patrone, e porta 'o betteglione
eeeh, eeeh, ...
Portame a beve' ca me moro 'e lanze
eeeh, eeeh, ...
Mo sponta 'na varca re Ponza
eeeh, eeeh, ...
Curre, patrone, porta 'o betteglione
eeeh, eeeh, ...
Che bella veliata che fa ssa varca
eeeh, eeeh, ...
Quandeeee.. la veco re luntano venire
eeeh, eeeh, ...
Cielo, quanto so' belle 'e maccarune
eeeh, eeeh, ...
E cchiù bella è la maccarunara eeeh
Viene a luvà la tavola a la patrona,
eeeh, eeeh, ...
Me la magnasse n'ata panella cu quatt'aulive!
eeeh, eeeh, ...
Me vevesse n'atu buttigliuncello 'e vino uarnacio!
eeeh, eeeh, ...
Chi 'nce l'ha messe tanta maiorana ?
eeeh, eeeh, ...
E ogni bbota che passo sento l'addore.
eeeh, eeeh, ...
Vedo venire doio palomme,
E una è d'oro e n'auta d'argiento,
Me portano 'mprospero comm'a una lancia!
Cca l'hai sole, ca nun bo' calare
eeeh, eeeh, ...
Si' puosto mpierno pe me fa' murire
eeeh, eeeh, ...


ischia info

Portale telematico no-profit per la Promozione del Turismo sull'Isola d'Ischia con la finalità di promuovere la conoscenza dei luoghi, delle attrattive e dei servizi correlati al Turismo di Ischia.


© 2018  ischia.fr 
Ischia