OSTEOARTROSI

La sintomatologia della osteoartrosi è caratteristica. Sono rilevabili due forme diverse della malattia, una primitiva ed una secondaria; in quest'ultima è possibile individuare una causa predisponente, mentre nella prima la malattia appare senza una causa ben individuabile. Il dolore è il sintomo fondamentale delle malattia. Si tratta di una dolorabilità in genere sorda e di grado non elevato, che compare soprattutto sotto sforzo e determina una rigidità delle articolazioni interessate soprattutto per effetto della contrazione riflessa della muscolatura circostante. Al mattino il paziente si alza con una sensazione di rigidità alle articolazioni ammalate; contrariamente ad altre patologie articolari in questo caso la rigidità è però di durata assai breve, scomparendo nel giro di pochi minuti per essere sostituita dal dolore. L'esame obiettivo dell'articolazione rivela la rigidità e la limitazione nei movimenti, ma non mette di solito in evidenza segni macroscopici di infiammazione; i contorni del segmento corporeo interessato possono essere alterati per l'allargamento delle ossa sottostanti determinato dagli osteofiti. Una particolare forma della malattia è la localizzazione alle piccole articolazioni delle mani, che si manifesta con la comparsa di tumefazioni nodulari appunto in corrispondenza delle dette articolazioni. Un'altra localizzazione molto frequente è quella alla colonna vertebrale, soprattutto nella regione cervicale e in quella lombosacrale. La malattia determina modificazioni a carico dei dischi intervertebrali con conseguente erniazione del nucleo polposo; compaiono frequentemente osteofiti che assumono una caratteristica conformazione "a becco di pappagallo". Se gli osteofiti comprimono e danneggiano le radici spinali possono insorgere le caratteristiche algie. La localizzazione all'anca è anche frequente nell'anziano, e rappresenta probabilmente la forma maggiormente invalidante per la considerevole limitazione funzionale che determina. All'inizio il dolore compare soltanto durante il carico, e comporta uno zoppicamento notevole ed una impossibilità di camminare a lungo; più avanti il dolore compare anche a riposo e può disturbare seriamente il sonno notturno. L'osteoartrosi dell'anca compare di frequente come forma secondaria alla presenza di un difetto articolare congenito od acquisito, non efficacemente corretto; la prolungata applicazione di un carico distribuito in maniera non fisiologica è la causa prima delle alterazioni cartilaginee. La diagnosi della malattia è essenzialmente clinica e radiologica. La radiografia delle articolazioni interessate mette in evidenza la riduzione dell'interlinea articolare, la presenza di eburneizzazione superficiale dell'osso subcondrale, la comparsa di osteofiti e di geodi (pseudocisti), cioè cavità ossee presenti solo nelle forme più gravi di osteoartrosi.











ischia info


Portale telematico per la Promozione del Turismo sull'Isola d'Ischia con la finalità di promuovere la conoscenza dei luoghi, delle attrattive e dei servizi correlati al Turismo di Ischia.